L’emergenza rifiuti dei primi anni 2000 ha generato conseguenze che stiamo pagando ancora oggi, come la presenza nella provincia di Frosinone di centinaia di discariche, molte delle quali abusive, ancora in attesa di bonifica.
L’ex discarica Panaccioni a Cassino in questo contesto è memoria di quanto avvenuto: quei terreni furono infatti tra i primi ad essere utilizzati, ed esaurito lo spazio toccò poi ad altri siti come la discarica di Pignataro in località Facciano e alla discarica di Via Le Lame a Frosinone. Tutte, ad oggi con un procedimento di bonifica dei rifiuti aperto e mai concluso.
Vista l’assenza di azione e programmazione da parte della Regione Lazio da quando la discarica è passata a propria competenza, ho presentato una interrogazione scritta al ministro dell’ambiente Sergio Costa proprio per fare luce su tutte quelle azioni a tutela dell’ambiente che sono ancora in attesa di attuazione.
L’interrogazione, a fronte dell’inerzia generale della Giunta Zingaretti, chiede anche un focus attraverso il comando forestale locale sullo stato in cui si trovano ad oggi le ex discariche, anche alla luce di un Piano Bonifiche datato 2012 e rimasto pressoché inattuato nel corso degli anni malgrado le multe milionarie inflitte all’Italia dall’Unione Europea per la cattiva gestione del ciclo dei rifiuti urbani.

Lavoriamo insieme al Ministero dell’Ambiente e a tutti i livelli istituzionali per definitive soluzioni atte alla tutela della nostra terra.

 

15/10/2019: il Ministero dell’Ambiente ha risposto all’interrogazione. Qui maggiori dettagli.