Ilaria Fontana

Portavoce alla Camera dei deputati

Sottosegretaria di Stato al Ministero della Transizione Ecologica

ORO BLU2018-11-13T11:19:51+00:00
1408, 2021

Castel Dell’Ovo: in riunione con i Direttori delle Aree Marine Protette campane

Questa mattina mi sono recata a Napoli, nella meravigliosa cornice di Castel Dell'Ovo dove ho convocato una riunione con i Direttori delle Aree Marine Protette campane. È stato importante ascoltare le tante proposte e preoccupazioni da parte di chi, in prima linea, si spende con amore e passione per la tutela del nostro patrimonio marino. Le competenze sono tantissime, dobbiamo coordinare le competenze e coniugare le scelte al fine di adottare soluzioni più eque, più giuste e più sostenibili. Siamo già al lavoro per soluzioni concrete a breve, medio e lungo periodo. Ci siamo💙

607, 2021

Ripresa la discussione sul disegno di legge Salvamare

Come Sottosegretaria del Ministero della Transizione ecologica esprimo soddisfazione per la ripresa, in Commissione Ambiente al Senato, della discussione sul disegno di legge #Salvamare già approvato in prima lettura alla Camera. Abbiamo voluto ridare priorità a questo provvedimento e siamo pronti a lavorare come sempre in sinergia con il Parlamento per accelerarne l’approvazione. Siamo pronti a migliorare e a sostenere una legge che tuteli l'ecosistema marino, promuova le basi per un'economia circolare ed effettivamente sostenibile, che sensibilizzi la collettività ad adottate comportamenti virtuosi volti alla prevenzione dell'abbandono dei rifiuti in mare, nei laghi, nei fiumi e nelle lagune a partire da una specifica disciplina per i rifiuti accidentalmente pescati,disponendone una corretta gestione. Ringrazio i senatori e le senatrici per il lavoro svolto [...]

2206, 2021

Liberare i fondali dalle “reti fantasma” abbandonate

Anche quest'anno, grazie al lavoro congiunto tra il Ministero della Transizione Ecologica e il Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, andrà avanti l'operazione per liberare i fondali dalle "reti fantasma"abbandonate. Oltre 7 tonnellate di reti rimosse - pari a circa 240mila bottiglie di plastica. Sono numeri importanti che ci stimolano a fare sempre più. Oltre alle quantità impressionanti di reti disperse in mare, dobbiamo tener presente inoltre che queste reti rappresentano, per le specie ittiche delle vere e proprie trappole di morte, e per l'intero ecosistema marino un vero nemico ambientale.

2104, 2021

Acqua 4.0: il digitale è fondamentale per garantire sostenibilità e controllo sui territori

Oggi si parla di un tema fondamentale che è quello dell’acqua 4.0 e attraverso il ricorso alle nuove tecnologie smart e ai big data la risorsa idrica può trarre grandi benefici. Tutto questo va ad unire i due pilastri del Pnrr, ovvero digitalizzazione e transizione ecologica. Il mondo digitale sotto questo aspetto viene molto in aiuto e può davvero fare molto, basti pensare a tutti i processi di approvvigionamento e alle reti di depurazione delle acque reflue. La digitalizzazione può inoltre aiutarci a migliorare i controlli sul territorio, ad esempio con l’aggiornamento dei piani regionali degli acquedotti e mediante tutte le reti di monitoraggio smart. In questa ottica si può ragionare anche per un migliore controllo del territorio, con un aggiornamento dei [...]

2203, 2021

L’ACQUA E’ PATRIMONIO DI TUTTI E DI TUTTE: GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA

Ogni anno, il 22 marzo, le Nazioni Unite lanciano un appello per celebrare la giornata dedicata alla tutela della più importante risorsa a nostra disposizione, una delle tre matrici fondamentali dell’ambiente: l’acqua. L’obiettivo del #WorldWaterDay è quello di richiamare l’attenzione sulla crisi idrica globale in vista del raggiungimento di uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030: acqua e servizi igienico-sanitari per tutti e tutte. Negli ultimi vent'anni è diminuita del 20% la disponibilità pro capite di acqua. 1,2 miliardi di persone, un sesto della popolazione globale, vivono in aree agricole gravemente soggette a carenza idrica e a scarsità di risorse. In tutto il mondo, l'11% dei terreni dipendenti dalla piovosità e il 14% dei pascoli sono esposti a episodi frequenti di [...]

1009, 2020

INQUINAMENTO FIUME LIRI: AGGIORNAMENTI

 La situazione che riguarda l'inquinamento del fiume Liri desta non poche preoccupazioni. Interessa due regioni, Abruzzo e Lazio, ed ora non riguarda più solo l'inquinamento di tipo industriale ma si è allargata ad un inquinamento di tipo biologico. Non mi stupisce il fatto, in quanto fin dall'inizio del mio mandato mi sono occupata del nostro oro blu e della situazione sulla depurazione, anche nella nostra provincia. In particolare il Fiume Liri gli ultimi mesi è stato uno dei protagonisti del mio lavoro quotidiano. Ripercorriamo un po' di storia, per capire come mi sono mossa sul territorio negli ultimi mesi. Il 6 aprile, in pieno lockdown, avevamo infatti segnalato ad ARPA Lazio la presenza di schiume nel fiume Liri, che causavano problemi ulteriori [...]

Torna in cima